PhDCareerStories. Johanna, coach per la transizione dall’Accademia all’industria

Johanna Dutton è un ingegnere biomedico che, dopo 10 anni nell’industria, decide di tornare nel mondo accademico per conseguire un dottorato di ricerca. È inoltre la fondatrice di Think Likely Resumes Service, un servizio che fornisce informazioni su come progettare un curriculum vitae o un curriculum per l’industria, nonché come coaching di colloqui professionali.

Eccoci al terzo incontro con le storie di PhdCareersStories che ci offrono la possibilità di addentrarci nel mondo della ricerca da svariati punti di vista. In questo episodio, Johanna condivide con gli ascoltatori (nda: ricordiamo che PhdStories è una piattaforma di podcast)  i suoi migliori consigli e trucchi su come scrivere i curricula: i modi per far risaltare la lettera di presentazione,  il CV e come sia importante sottolineare altre abilità oltre a quelle accademiche. Fornisce inoltre punti chiave su cosa includere o escludere dal curriculum, al fine di convincere il responsabile delle assunzioni, a fissarci un colloquio.

Chi è Johanna

Johanna ha conseguito la laurea in Chimica presso l’Università del Connecticut e una laurea magistrale in Chimica Analitica presso la University of North Carolina a Chapel Hill. Ha poi lavorato come chimico analitico per quasi dieci anni in Eisai, prima di accettare una posizione come scienziata di formulazione presso la Novartis Vaccines, ora GSK Vaccines.

Attualmente Johanna è una dottoranda del programma congiunto di Ingegneria Biomedica presso l’University of North Carolina at Chapel Hill and North Carolina State.

Trascorre parte del suo tempo libero a rivedere ed elaborare curricula per gli studenti che desiderano transitare dal mondo accademico a quello dell’industria.

E ora passiamo la parola a Johanna.

Ciao a tutti, mi chiamo Johanna Dutton
Vorrei condividere con voi alcuni suggerimenti su come scrivere il proprio cv per i dottori di ricerca che desiderano passare dal mondo accademico a quello dell’industria. I suggerimenti che sto per condividere con voi sono in gran parte frutto della mia esperienza nell’industria; e negli ultimi anni ho usato questi suggerimenti con diversi studenti laureati per insegnare loro come ottenere il massimo da due pagine, tali da convincere qualcuno a chiamarti per un colloquio.

Nel 2016, l’NSF ha riferito che c’erano circa 32.000 studenti laureati con dottorati in scienze, ingegneria e matematica negli Stati Uniti. Dato che non ci sono 32 000 posti disponibili nel mondo accademico, c’è una grande competizione per i posti di lavoro nell’industria.

Quando si tratta di ripresentare il proprio curriculum, potrebbe risultare sorprendente sapere che, nonostante tutti questi dottori di ricerca possiedano un’esperienza di ricerca unica e sono esperti nei loro campi, i loro curricula appaiono notevolmente simili, e questa somiglianza non è una buona cosa!

Di solito si tratta di curricula che presentano ampie sezioni dedicate a pubblicazioni e presentazioni molto lunghe, correlate a sezioni di esperienza lavorativa molto brevi e vaghe e, in genere, nessuna sezione è focalizzata su abilità o competenze specifiche.

Un punto chiave da ricordare, quando scrivi il tuo curriculum per l’industria, è che anche se le pubblicazioni sono essenziali nel mondo accademico, tutti le hanno, ed è anche probabile che tutti abbiano nel loro bagaglio professionale, poster e seminari.

Si tratta di importantissimi risultati condensati in un titolo, tuttavia non forniscono quasi nessuna informazione su di te. Queste attività non sono necessariamente equivalenti alle prestazioni. Quindi questa informazione su un curriculum non dà alcuna indicazione su chi ha fatto cosa in una pubblicazione o un poster, o del livello di qualità di un poster o di una presentazione; questi elenchi occupano solo spazio.

Quindi, onestamente, se mi si danno un curriculum per una prima selezione, potrei controllare in quali riviste sono stati pubblicati gli articoli, ma probabilmente non leggerò nemmeno i titoli dei poster o delle presentazioni perché non sono elementi che ti distinguono dagli altri dottorati. Devi essere in grado di dimostrare che hai altre competenze e abilità che ti rendono un candidato competitivo. Quindi ho intenzione di parlare di come farlo e iniziamo dalla prima parte del tuo curriculum: la prima pagina

La prima pagina – Chi sei

La prima cosa del tuo curriculum è ovviamente il tuo nome. Dovrebbe essere in alto e al centro e in caratteri più grandi rispetto al resto del testo. Ho esaminato curricula in cui la dimensione del carattere era uguale per tutto il testo, passavo così direttamente sopra il nome, senza accorgermene, in quanto non spiccava; dovevo poi tornare indietro e cercare il nome.

Dopo il nome, è bene che la sezione successiva sia composta da poche frasi o brevi punti elenco che generalmente ti definiscono come scienziato. Ad esempio, la mia prima frase potrebbe essere: “Ingegnere biomedico con esperienza nella fabbricazione di dispositivi microfluidici”.

Questo è un quadro generale delle mie capacità e competenze che potrebbe essere seguito da: Seria team player, con esperienza professionale con team di sviluppo interfunzionali“, che è una panoramica di alcune soft skills. In questo modo hai fornito tre punti importanti per una presentazione in chiave generale.

È un po’ come quello stile di presentazione con cui si arriva subito ad una prima conclusione. Stai dicendo al lettore chi sei. Non lo scopre, mentre scorre il tuo curriculum.  L’intenzione è quella di mettere la pulce all’orecchio, così che si legga il tuo curriculum con il “pregiudizio” di chi sei: un ingegnere, un chimico farmaceutico o quello che sia. Quindi se l’annuncio di lavoro è per un chimico analitico, chiarisci dalla prima riga che sei un chimico analitico, ecc

Formazione

Se ti stai candidando al tuo primo lavoro dopo la scuola di specializzazione, la sezione successiva dovrebbe essere la tua formazione, perché questa è la tua unica esperienza fino ad ora. Se non è il tuo primo lavoro, la tua istruzione può essere spostata alla fine del curriculum perché non è importante quanto la tua esperienza lavorativa.

Quindi, parlando di formazione, a seguire, ti consiglio fortemente di includere una sezione relativa alle competenze tecniche e le competenze chiave; questa sezione svolge un doppio ruolo, in quanto serve ad adattare il tuo curriculum a una specifica descrizione di lavoro e anche a mostrare facilmente le tue competenze. Questa sezione mostra rapidamente al lettore gli strumenti o i processi a cui sei abituato, senza il peso di averli desunti attraverso la lettura dell’intera sezione relativa alle esperienze, cercando di individuare i talenti specifici che possiedi.

Lavorando come chimico analitico per quasi un decennio, mi sono creata un sottotitolo per la caratterizzazione analitica, in cui elenco le tecniche analitiche con cui ho familiarità. Altri sottotitoli potrebbero essere: software, linguaggi di programmazione, colture cellulari, nanofabbricazione, e argomenti del genere. Ricordati di non usare tabelle o grafici perché questi possono interferire con l’applicant tracking software (NdT:  un software progettato per garantire una gestione efficace e completa del recruiting in azienda).

Esperienze

Quindi, dopo aver esaminato le tue competenze, dovresti avere la sezione esperienze. Probabilmente sei stato in una scuola di specializzazioone per 5 o 6 anni e questa sezione dovrebbe riflettere quest’esperienza.

Leggo molti curricula che descrivono qualcosa di molto vago come -“… ho sviluppato un metodo per misurare il peso molecolare delle proteine” ​​- e basta! E come lettore, rimango indifferente a cosa significhi o, semplicemente, tralascio il curriculum perché non posso ottenere informazioni reali da queste affermazioni

Devi provare a dimostrare di essere in grado di riassumere i tuoi risultati accademici in modo sintetico e informativo. Quindi è necessario essere in grado di descrivere: quello che hai fatto, come l’hai fatto, se ha avuto successo, se a qualcuno interessa il tuo lavoro, se ne è seguito un impatto sociale, scientifico, economico…

Nell’ esempio di sviluppo di un metodo, per misurare un peso molecolare proteico, è necessario aggiungere un’ulteriore descrizione. Devi dire che tipo di metodo hai usato. Che tipo di strumentazione hai usato? Che tipo di proteine ​​hai misurato? È questo il primo metodo per farlo? Perché conta come una tesi? Non sembra un granché, quando abbiamo solo una frase, non credi? Le persone usano ancora il tuo metodo? Il tuo laboratorio, lo sta usando? Altre persone lo hanno pubblicato, oltre alla tua pubblicazione?

A volte il modo migliore per imparare a scrivere quanto descritto e che qualcuno legga il tuo curriculum e farti fare delle domande, una volta che hanno letto le tue affermazioni, perché potrebbero indicarti qualcosa che pensavi fosse davvero ovvio, ma non è in realtà ovvio per le persone che non sono nel tuo campo.

Competenze trasferibili

Gli argomenti della tua esperienza, se candidabili, dovrebbero mostrare le tue competenze transferibili. Devi realmente pensare a dove trascorrevi il tuo tempo a scuola e mostrare che, sebbene un tuo particolare progetto potrebbe non avere nulla a che vedere con il lavoro per il quale ti stai candidando, cosa molto probabile, tu sei in grado di traslare le tue competenze acquisite durante il tuo lavoro accademico in altre situazioni. Per esempio, se ti sei occupato di HPLC su proteine, questo potrebbe non essere utile per un lavoro che sviluppa terapie con piccole molecole, ma l’HPLC è un’abilità che probabilmente userai ancora.

Altre aree di interesse da menzionare, sono per esempio: hai lavorato in gruppo? Hai coordinato delle collaborazioni? Hai gestito studenti o stagisti? Hai fatto ricerche su nuove tecnologie e inserite nel tuo laboratorio? Hai identificato procedure che erano inefficienti e hai apportato dei cambiamenti migliorativi? Hai formato altri studenti? Hai stabilito protocolli? Hai calibrato i tuoi sistemi? Hai scritto il codice di un programma per analizzare i dati o le immagini? Queste sono tutte competenze trasferibili, non necessariamente collegate ad un solo progetto – le puoi trasferire grazie alla tua esperienza in un nuovo contesto.

Attenzione a pubblicazioni, premi, riconoscimenti

Dopo l’esperienza, dovresti avere sezioni per premi, certificazioni e riconoscimenti. E infine – e solo se c’è spazio – aggiungi le tue prime pubblicazioni o, se c’è spazio, tutte quante e puoi aggiungere sezioni per poster o presentazioni ma non è davvero un uso efficace dello spazio! Quindi, come ho detto prima, quasi tutti coloro che possiedono un dottorato di ricerca avranno fatto queste cose. E il tuo lavoro che è stato pubblicato dovrebbe essere già stato descritto nella sezione esperienza. Quindi ricorda che si tratta solo di elenchi, senza un autentico metro di giudizio per dimostrare che erano buoni poster o discorsi e, quindi, non stanno davvero aiutando la tua causa.

Se ti senti davvero obbligato ad elencare poster o presentazioni, perché hai vinto un premio o è sei stato invitato ad un seminario, inseriscilo nella sezione premi e riconoscimenti. Se qualcuno vorrà leggere premi e riconoscimenti, li troveranno in quella sezione, anziché di sorvolare su di esso e di non notarlo perché è in una lunga lista di presentazioni di poster che, sono sicura,  nessuno leggerà. Almeno in un primo screening non lo leggeranno.

Non andare oltre le 2 pagine 

Ricorda che i selezionatori desiderano che il tuo curriculum sia di circa due pagine e sicuramente non di più! Se hai bisogno di spazio, elimina le presentazioni e inserisci solo le pubblicazioni selezionate. Cerca anche di mantenere ampi margini, in modo che il lettore abbia spazio per prendere appunti o commenti. È un modo sottile per rendere più piacevole l’esperienza al lettore e, ti assicuro, che avrai molte informazioni per riempire le due pagine. lasciando anche ampi margini.

Certamente fai le cose ovvie e leggi tutte le righe, usa la grammatica e l’ortografia in modo corretto perché questi errori possono facilmente far sì che il tuo curriculum venga accattastato in qualche pila di documenti.

E non dimenticare di mantenere un profilo aggiornato su LinkedIn con un curriculum abbreviato, perché i datori di lavoro tendono a cercare talenti invece di aspettare che sia tu a trovarli. E ricerca te stesso su google, assicurati di avere una presenza online. Ad esempio, verifica se ci sono altre persone con lo stesso nome: aggiungi la tua iniziale di mezzo o qualche altro identificatore.

E poi trovati un posto tranquillo dove rannicchiarti con il tuo laptop, una lunga lista di parole azione e inizia a scrivere!

Se hai domande sul curriculum o sei interessato a consigli per colloqui, puoi contattarmi tramite LinkedIn o il mio sito web.

Grazie mille e buona fortuna!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.