PhD CareerStories. 10 consigli per passare dal mondo accademico a quello industriale

Nuovo podcast di PhdCarrerStories. Maria João Perreira è una ricercatrice portoghese con un background in biochimica, che si è trasferita in Svezia nel 2011 per un progetto di Master presso il Centro Biomedico dell’Università di Lund.

Il suo interesse per le cellule staminali e la medicina rigenerativa l’ha portata a un dottorato in biologia delle cellule staminali, terminato a dicembre dell’anno scorso.

Molto presto dal suo dottorato di ricerca, si rese conto che la carriera nel mondo accademico non si adattava bene alla sua personalità e ai suoi interessi, e così inizia a cercare opportunità per passare al mondo dell’industria.

Oggi Maria è una ricercatrice in un’azienda farmaceutica Novo Nordisk.

In questo nuovo episodio, condivide alcuni suggerimenti su come facilitare il passaggio dal mondo accademico a quello dell’industria, nonché alcuni consigli su come gestire con successo il processo di selezione e il colloquio.

“Inizia presto. Ricorda: cercare un lavoro è un lavoro a tempo pieno. Anche prima di iniziare a cercare e candidarti per un lavoro, devi pensare ad esso ” – Dr. Maria João Pereira

Ciao a tutti,
Mi chiamo Nika Seblova e tu stai ascoltando PhD Career Stories. In questo episodio, potrai ascoltare Maria Pereira, che condividerà i suoi 10 consigli per la transizione dal mondo accademico all’industria. Maria è una scienziata esperta e ha terminato un dottorato in biologia sulle cellule staminali all’Università di Lund in Svezia.

È una persona molto orientata all’obiettivo, quindi sin dall’inizio della sua carriera di dottore di ricerca si è impegnata in diverse attività legate alla ricerca di lavoro e al mondo dell’industria. Speriamo che i suoi consigli ti saranno molto utili! Buon divertimento!

Podcast di Maria

Ciao e grazie mille per avermi invitato a fare questo podcast!
Spero davvero di poter trasmettere alcune delle cose che hanno funzionato per me in questa transizione dal mondo accademico a quello dell’industria. E spero di poter aiutare qualcuno che, forse, si trova nella stessa situazione in cui sono io.

Inizierò presentandomi: mi chiamo Maria Pereira e recentemente mi sono laureata in biologia sulle cellule staminali. Sono originaria del Portogallo, dove mi sono laureata come biochimico e nel 2011 mi sono trasferita in Svezia, prima per fare il progetto del mio master e poi ho iniziato il dottorato presso il Centro Biomedico a Lund. Dopo aver sostenuto la mia tesi a dicembre ho trovato un lavoro presso Novo Nordisk, un’azienda farmaceutica che si sta concentrando sullo sviluppo di nuove terapie con cellule staminali per le malattie croniche.

Quindi come sono finita qui e perché?
Inizierò con il “perché”. Per molto tempo, durante il mio dottorato di ricerca, sapevo e mi sentivo una ricercatrice, ma in realtà non mi sentivo un’accademica. Mi sono davvero divertita a sviluppare un progetto dall’ipotesi iniziale alla pianificazione, ottenendo risultati, concludendo i lavori, ma mancava qualcosa. E il fatto che in realtà non ero in procinto di consegnare qualcosa a un paziente, e che la pubblicazione rappresentava la fine dell’attività, mi ha fatto davvero capire che non potevo continuare per sempre nel mondo accademico. Non era la cosa giusta per me.
Iniziai a guardare altre opzioni.

Ho iniziato a cercare opzioni alternative molto presto. Ho riflettuto a fondo e ho cercato di trovare supporto attraverso i gruppi di LinkedIn; Ho cercato programmi di mentorship, ad esempio, e ho iniziato a cercare anche conferenze relative all’industria in diversi campi. E in realtà c’è voluto un po ‘di tempo per iniziare, e fare andare a buon fine alcune attività, ma direi che durante il mio ultimo anno di dottorato di ricerca sono stata fortemente coinvolta in queste attività.

E questo significava essere iscritti a un programma di tutoraggio, parteciparvi almeno una volta al mese e cercare di scoprire che spazio mi sarebbe piaciuto occupare quando avrei finito il mio dottorato. Che si trattasse di un’azienda biotech, di un’azienda farmaceutica, diventare un imprenditore, ecc.

Quindi ecco i 10 suggerimenti che ritengo possano essere utili per te che stai prendendo in considerazione la possibilità di candidarti per un posto di lavoro nel mondo dell’industria, ritenendo che questo sia un bene. E queste sono ovviamente le cose che hanno funzionato per me durante la candidatura e il processo di selezione alla Novo Nordisk.

Suggerimento numero 1, inizia presto. Ricorda che cercare un lavoro è un lavoro a tempo pieno. Quindi, anche prima di iniziare a cercare lavoro e candidarsi, è necessario pensarci, e anche questo richiede tempo. Un po ‘prima che terminassi il dottorato, lasciavo che le persone intorno a me sapessero che non volevo continuare nel mondo accademico, e questo includeva naturalmente anche il mio supervisore al dottorato, che è stato di vero supporto, e anche colleghi e persone che conoscevo al lavoro e fuori.

Quindi il mio suggerimento numero 2 è mantenere la tua rete chiusa e fargli sapere cosa vuoi fare e cosa ti serve da loro; che sia un semplice aiuto per trovare un lavoro o per un consiglio. Se qualcosa dovesse accadere, la gente saprà che potresti essere interessato e avvertirti. E in questo contesto, è molto importante dire che il mio primo contatto all’interno di Novo Nordisk è stato attraverso un referente. Quindi questo è qualcosa che di sicuro è molto importante e che funziona.

Il suggerimento numero 3 è essere pazienti e diventare un autentico job hunter. Quindi, dopo il dottorato, ho iniziato a cercare lavoro in modo attivo, e so che può essere davvero estenuante candidarsi per un lavoro senza un risultato positivo che ne deriva, ma la verità è che mi resi conto che, mentre stavo facendo domanda per sempre più posizioni, stavo migliorando. Sempre di più.

Quindi sii paziente, qualcosa verrà fuori. Durante questo periodo sii un vero job hunter, anche quando non sei al computer e fai domanda per il posto di lavoro, quindi registrati in diversi lavori postati nei forum, LinkedIn, Glassdoor, Monster e crea degli alert che ti aiutino a tenerti aggiornato sulle nuove posizioni pubblicate.

Suggerimento numero 4: creare un CV e un modello di lettera di presentazione facile da modificare. Pertanto lavora, lavora davvero, su una buona versione del tuo CV e lettera di presentazione, in modo che tu possa diventare più efficace nella scrittura di candidature perché se hai un buon modello dall’inizio, tutto quello che devi fare è aggiungere alcuni dettagli, spostare un po’ le cose rimuovere cose che non contano per la posizione, eccetera.

Suggerimento numero 5: sii aperto a nuove opportunità di apprendimento. Quindi raccomando vivamente the job security foundation (ndt: sito svedese per il lavoro), il job-coaching e i workshop: mi ha davvero aiutato capire come funziona il processo di assunzione e come personalizzare le mie domande di lavoro per le diverse posizioni disponibili. Se non hai ancora finito i tuoi studi, i programmi di mentorship sono eccellenti per questo. Non ti prendono molto tempo e ne vale la pena. È anche ottimo un primo contatto con l’ambiente industriale, che è sicuramente molto diverso da quello accademico.

Suggerimento numero 6: sii aperto alle critiche – che riguardino la tua candidatura o il tuo curriculum. Se senti che dovresti avere un input da persone esterne, persone che ti fanno bene a cui fare leggere le tue candidature, accetta realmente le critiche. Perché porteranno davvero dei cambiamenti alla tua candidatura. È bello avere occhi esterni che guardino ciò che scrivi e come esponi la tua esperienza nel tuo CV.

Suggerimento numero 7: sii sincero durante le domande e i colloqui. Nel processo di candidatura non nascondere nulla. Vendi te stesso, mostra ciò di cui sei capace, ma sii onesto riguardo alle cose di cui non sei esperto! Durante l’intervista, diventerà molto chiaro nelle risposte e nel modo in cui presenti la tua esperienza, che cosa sei in grado di fare o meno. Quindi ricorda che ci sono persone estremamente esperte che conducono i colloqui e devi davvero essere onesto al riguardo. La stessa cosa quando si risponde ai test della personalità: sii onesto. Ci saranno sicuramente una serie di domande durante il colloquio che mireranno a verificare quanto siano state vere le tue risposte in questi test.

Suggerimento numero 8: prepararsi per i colloqui ma non provare troppo. Ti consiglio di preparare il colloquio e di pensare davvero a domande che riguardano il tipo di persona che sei, quali sono le tue ambizioni e cose del genere. Queste sono cose a cui a volte devi pensare prima di esprimerle verbalmente, ma non provare troppo perché sarebbe anche molto evidente. Quindi lascia che il colloquio sia in qualche modo spontaneo!

Suggerimento numero 9: durante il colloquio mostra he sei interessato in quello che fanno Mostra che hai necessità di sapere di più sulla posizione in ogni momento. Chiedi esattamente quello che ti sarà richiesto, in modo da sapere come puoi, da parte, tua condurre il colloquio e dare risposte soddisfacenti, e anche fare perfino più domande.

Suggerimento numero 10: prenditi cura delle pagine del tuo social network, quindi assicurati che il tuo profilo LinkedIn, Facebook, ovunque tu pubblicizzi, sia ben curato e contenga tutte le informazioni appropriate. Credetemi, le persone usano LinkedIn molto nel mondo industriale, quindi, saprete, se vogliono conoscere maggiori dettagli su certe posizioni, dove siete dove, se c’è qualcosa nella vostra candidatura che potrebbe mancare, a volte guardano il vostro profilo LinkedIn per cercare quelle informazioni e per vedere, sai, quali persone sono nella tua rete, per esempio

Questi, dunque i miei consigli e trucchi, ciò che ha funzionato per me, e spero davvero che ti possa aiutare, e grazie ancora una volta per avermi invitato. È stata davvero una bella esperienza. Ciao!

podcast in versione originale

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.