Percorsi di scelta. Non solo test

Se si approfondisce la storia di ogni persona, si scopre che per quanto ci appaia realizzata, dietro di essa si celano altre vite; vite rimaste in embrione per scelte, non sempre consapevoli, rispetto alle proprie potenzialità.

Insieme ad una affermata avvocatessa, con-vive un’artista dal pennello leggero e penetrante; dietro ad un impiegato aziendale, un musicista pentito e un avvocato mai sbocciato; dietro a un ingegnere navale si cela il dono dell’affabulazione, un mattatore silente; dietro un cantante lirico, costretto in costumi che sente troppo stretti o troppo larghi, un amante della vita campestre, dedito agli antichi mestieri e lontano dagli affanni mondani.

Ci si è fermati all’apparenza, al contesto familiare? Non si è avuto il coraggio/la possibilità di affermare i propri sogni che non sempre coincidono con le nostre inclinazioni?

Test Universitari- Ragazzo che ascoltaEravamo troppo occupati a dover decidere che fare della nostra vita per capire realmente quali erano i nostri desideri. Invece di condividerli, li urlavamo, li gettavamo via con violenza invece di accarezzarli, nutrili e sperimentarli? Oppure rimanevano serrati a doppia mandata nella nostra mente e nei nostri cuori, rappresi da emozioni contrastanti, che non eravamo in grado di gestire.

O forse si tratta solo di leggera vanità? Di compiacimento civettuolo e superficiale, in cui ci è dolce lamentarci, ma per niente al mondo rinunceremo alle attuali comodità. Se l’avvocatessa avesse seguito il suo pennello leggero, ora forse si troverebbe in un qualche luogo poco confortevole, delusa e amareggiata; il mattatore silente, ora vagherebbe in vie ignote, sperando di giungere all’agognata parte, al ruolo della sua vita; il cantante lirico pentito, costretto in una piccola azienda agricola sempre a rischio di fallimento. L’impiegato aziendale si barcamenerebbe tra mille lavori, e la sera lo troviamo di locale in locale con la chitarra in una mano e vane speranze nell’altra.

Oppure no. L’avvocatessa, per volontà altrui, è diventata una richiestissima designer di mobili, fa la spola tra Berlino, Roma e New York, ha due figlie e un compagno che la segue con dedizione e vigore. Il cantante lirico viaggia in tutto il mondo, è diventato un’icona di eleganza e bravura per giovani e meno giovani, fa da sfondo la sua lussuosa villa in campagna. Potremmo continuare, spingendo l’immaginazione, ma non per mera voglia di fantasia, ma per amore di verità e giustizia.

Siamo in tempi di scelta; migliaia di studenti si accingono a svolgere i fatidici test di ammissione all’università: al momento ci sono, ed è una variabile che non  possiamo  modificare. Ma possiamo essere onesti con noi stessi e darci l’opportunità di vivere, il più vicino possibile alla nostra natura e alle nostre aspirazioni, valutando, ri-valutando e tras-formando percorsi a noi con-geniali.

Per ogni test mancato, migliaia di vie da scoprire, se ci impegniamo ad ascoltare e ad ascoltarci, a riflettere sulle esperienze vissute, accogliendo e raccogliendo ogni nuova informazione, ogni gesto, ogni parola che ci erano sconosciuti o che non avevamo considerato nel modo adeguato.

Ognuno, se in buona fede, è educatore dell’altro. Per ogni test approvato, consolidamento per l’impegno intrapreso e riconsiderazione dei propri obiettivi. Un caleidoscopio di possibilità, se siamo qui ed ora, se utilizziamo cervello, cuore ed emozioni; se siamo presenti in un percorso non sempre lineare ma che ci prende per mano e ci porta lontano.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.