Economia circolare. Manichini in canna da zucchero e occhiali con i fondi del caffè

Il manichino biodegradabile  realizzato con la canna da zucchero e verniciato con B Paint, una vernice naturale realizzata con sostanze organiche rinnovabili.  Il progetto si chiama BNatural e permette di sostituire i tradizionali manichini in vetroresina e polistirene così che i  brand di moda che li adottano sono in grado di ridurre del 25,72% il proprio impatto ambientale e, al tempo stesso, a contribuire all’economia circolare e sostenibile.

Primo al mondo,  BNatural è stato  realizzato dall’azienda emiliana Bonaveri, grazie al quale  ha vinto il Premio Sviluppo Sostenibile 2019, categoria Economia Circolare, assegnato nel corso di Ecomondo, l’annuale fiera di Rimini, punto di riferimento europeo dell’innovazione industriale e tecnologica.

I manichini biodegradabili sono realizzati in B Plast, una bioplastica  composta al 72% da derivati della canna da zucchero: questo gli permette, una volta dismessi, di rilasciare acqua e la stessa quantità di CO2 assorbita dalla canna da zucchero nella fase vegetativa. La nuova sostanza, usata anche per  packaging ecosostenibili, è stata messa a punto  dalla Bonaveri in collaborazione con l’Università di Bologna.

Occhiali al caffè

È ucraina, invece, ma sarà presto immessa nel mercato italiano la montatura d’occhiali realizzata con i fondi di caffè, grandi protagonisti dell’economia circolare.

Al posto dell’usuale plastica viene usato un biopolimero ricavato appunto dai fondi del caffè uniti alla segatura di  lino e all’olio di soia, che formano un composto che si decompone 100 volte più in fretta del materiale della classica montatura e risulta essere fertilizzante per il terreno.

Resistente al sudore, flessibile e leggera, Ochis Coffee, questo il nome della nuova montatura, è stata realizzata nel 2018 dalla start up ucraina di Max Gavrilenko, il quale ha ottenuto i finanziamenti per la produzione – sviluppatasi in 5 modelli – con una campagna lanciata su Kickstarter, la piattaforma che permette la raccolta delle risorse per i progetti innovatori.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.