Braille Neue, un linguaggio universale per una società inclusiva

Una nuova realizzazione grafica  per la scrittura e lettura  anche digitale al servizio dei non vedenti, creando al tempo stesso una font universale leggibile sia per i cechi sia per le persone vedenti, teso a implementare l’uso del braille inserendolo nell’alfabeto consueto e originando un linguaggio condiviso per una società inclusiva e sostenibile.

Si tratta del Braille Neue creato da Kosuke Takahashi (nella foto in alto), designer giapponese che si augura sia usato per la segnaletica informativa dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, in modo che finalmente “ci sarà uno spazio universale dove chiunque potrà accedere alle informazioni”.

Il nuovo sistema di scrittura si basa sulla sovrapposizione ai caratteri classici dell’alfabeto i punti in rilievo del sistema Braille che permette la lettura attraverso il tatto. Si giunge così al testo universale, senza dover ricorrere al testo differenziato per gli utenti ciechi, quest’ultimo tra l’altro pochissimo diffuso negli spazi pubblici.

Idea già sviluppata in varie versioni negli ultimi anni (come riporta puntualmente il sito di Braille Neue aperto a tutte le persone che operano per una società inclusiva), ma mai decollata a livello pubblico, il nuovo progetto ha la peculiarità di essere stato sviluppato anche con gli ideogrammi giapponesi, un’operazione quest’ultima tutt’altro che facile che ha richiesto a Kosuke Takahashi anni di lavoro per renderlo fruibile anche ai vedenti.

Al momento, infatti,  il Braille Neue  è stato sviluppato nelle seguenti  2 versioni (foto in alto e in basso):  Braille Neue Outline, con gli ideogrammi  per il mondo orientale e il Braille Neue Standard con i caratteri latini per gli occidentali,  declinato in lingua inglese.

Tokyo 2020 sarà sicuramente un importante trampolino di lancio per giungere alla diffusione del linguaggio universale, ma nel frattempo pensiamo e ci auguriamo che il nuovo carattere possa essere ripreso e sviluppato dal settore dei caratteri tipografici in modo che tutto il pubblicabile,  inerente a ogni ambito,  sia prodotto nel Braille Neue.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.