100 passi verso il 21 marzo. Da 25 anni per tutte le vittime di mafia

Dal 16 gennaio al 12 marzo 2020 si svolge il ciclo Donne contro le mafie. Storie e pratiche tra ieri e oggi, presso le sedi di Libera, del No mafia Memorial e dell‘Istituto Gramsci di Palermo: tra gli organizzatori il Centro Rita e Paolo Borsellino e l’Università di Palermo.

Il ciclo è parte del programma 100 passi verso il 21 marzo che porta alla 25° edizione della Giornata della Memoria e dell’Impegno, il primo giorno di primavera dedicato alle vittime innocenti delle mafie, e durante il quale i nomi dei morti per mafia saranno ricordati uno ad uno.

Dando questa notizia proprio il 26 gennaio, ricordiamo l’uccisione del giornalista Mario Francese  – 41 anni fa- che dedicò la sua vita all’investigazione e alla denuncia delle attività mafiose.

La Giornata  promossa da Libera e Avviso pubblico, che vede anche il 25° anniversario dalla fondazione Libera,  quest’anno si svolgerà a Palermo con lo slogan Altro e Altrove.

Per partecipare alla manifestazione di Palermo, è necessario compilare e inviare a Libera la scheda di adesione e il regolamento per la richiesta di contributi, scaricabili dal seguente link.

La proposta formativa per le scuole

Verso il 21 marzo gli Istituti scolastici potranno, in autonomia o laddove possibile in accordo con i coordinamenti territoriali e i presidi di Libera, promuovere momenti di incontro, attività e percorsi laboratoriali per studenti e docenti.

Per preparare docenti e alunni alla XXV giornata della memoria e dell’impegno si offrono alcune occasioni e strumenti di approfondimento e lavoro:

1) Formazione nazionale per docenti “Abitare i margini” 2020 24, 25 e 26 gennaio 2020, Ciampino (RM) “Un immaginario da educare: modificare e produrre rappresentazioni nuove sulle mafie” Il numero dei posti è limitato. Il percorso sarà aperto anche ai giovani animatori e formatori. Le modalità di iscrizione saranno pubblicate su sito libera.it
2) Percorso-Concorso Regoliamoci “Altro e Altrove” (scaricare regolamento e iscrizione: qui il link)
3) Proposta formativa nazionale per un percorso in classe . Le classi aderenti alla proposta sceglieranno un’area tematica tra quelle proposte sulla base delle quale sviluppare un’attività laboratoriale. Ogni approfondimento sarà ancorato ad una delle storie delle vittime innocenti delle mafie presenti nell’ elenco. Il comune denominatore delle aree sarà “altro e altrove” che ci impegniamo a costruire insieme.
4) Tedofori di memoria e di impegno. È un percorso che vedrà protagoniste le piazze e le regioni che hanno ospitato in questi ventiquattro anni la Giornata nazionale del 21 marzo. Una staffetta che sarà svolta da 25 persone, per testimoniare l’eredità preziosa delle nostre storie di memoria e per trasmettere, nell’anno olimpico, valori positivi quali partecipazione, fair play, rispetto, regole, solidarietà, amicizia, corresponsabilità, lealtà, miglioramento dei propri limiti. Una fiaccola di Libera che, attraverso una staffetta simbolica tra i territori, sarà portata in giro per l’Italia.

La torcia di memoria e impegno partirà da Padova, luogo dell’ultimo 21 marzo per proseguire il suo viaggio dal Nord e concludere il suo giro a Palermo. La staffetta partirà nel mese di febbraio e si concluderà il 18 marzo. Per adesioni è necessario prendere contatto con il coordinamento regionale di Libera o scrivere a sport@libera.it

Informazioni ulteriori
Il MIUR ha già diramato l’appuntamento della Giornata attraverso la circolare con il numero di protocollo 3847 del 03.09.201. Si ricorda che la Giornata è ufficialmente riconosciuta dalla legge n. 20 dell’8 marzo 2017.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.