Shiro Ito. Supera l’ostracismo della stampa locale grazie al Circolo della stampa estera

Shiro ItoShiori  Ito  (a sinistra nella foto) è una giovane giornalista e film maker, che nella primavera scorsa ha avuto il coraggio di denunciare la violenza subita da parte dell’importante collega Noriyuki Yamaguchi, che dopo averla invita a cena per parlare di lavoro, approfittando del fatto che lei avesse bevuto, l’ha portato in albergo e ha abusato di lei.

A seguito della denuncia sono iniziate le indagini della polizia e il procuratore ha spiccato il mandato di cattura per il colpevole. Ma a un passo dall’arresto lo stesso procuratore ha fermato la procedura, dopo aver ricevuto la telefonata di un segretario del Capo di Gabinetto del premier nipponico  Shinzo Abe. Il giornalista, sospetto stupratore,  è  infatti amico personale di Abe.

Ma c’è di più. I fatti accaduti a Shiori Ito sono stati pressoché ignorati dalla stampa locale, tranne la pubblicazione  su alcune riviste settimanali.  Per questo il Circolo della Stampa Estera in Giappone,  Foreigncorrespondent Club,  ha deciso di ospitare e dare voce a Shiro Ito,  che nel frattempo ha raccolto la storia nel libro “Black Box”.

La giornalista giapponese sollecita altre vittime a farsi avanti. E, probabilmente, non è una casuale coincidenza che il libro “Black Box” sia stato pubblicato il 20 ottobre 2017, nel pieno del clamore crescente internazionale dei presunti abusi del produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein, e alle  tante denuncie che appaiono sulla pagina Twitter, sotto l’hashtag   #Me too.

Il Foreigncorrespondent Club del Giappone ha pubblicato su You Tube l’intervista integrale di Shiori Ito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *