Firme raggiunte per “Una pensione da giornalista a Riccardo Orioles”

Riccardo Orioles 2

Aggiornamento  ANSA 21/01/2017

L’INPGI (l’istituto previdenziale della professione giornalistica) “ha disposto l’erogazione della prestazione ‘una tantum’, prevista dal regolamento dell’istituto per chi non ha raggiunto il minimo pensionabile” al cronista siciliano Riccardo Orioles, noto per il suo impegno anti-mafia.

Lo fa sapere lo stesso ente pensionistico in una nota, definendosi “non insensibile” rispetto alla “delicata situazione in cui versa il collega”. L’INPGI chiarisce che tale misura concessa “non è in contrasto con i benefici di un eventuale riconoscimento della Legge Bacchelli” (la norma del 1985 che prende il nome dello scrittore Riccardo Bacchelli, e permette di disporre di un fondo a favore di cittadini illustri che versino in stato di particolare necessità,.

Si sono raggiunte le firme necessarie per consegnare la petizione Una pensione da giornalista per Riccardo Orioles alla Presidente della Camera Laura Boldrini.

La consegna avverrà il 23 gennaio 2017. Le 30mila firme – per far riconoscere ad Orioles, giornalista nato a Milazzo e noto per l’impegno professionale quarantennale contro le mafie e la corruzione, i diritti della legge Bacchelli – sono state raccolte grazie ad una petizione lanciata lo scorso 26 dicembre sulla piattaforma Change.org.

Il giornalista milazzese gode di tutti i requisiti per accedere alla “pensione Bacchelli:” la cittadinanza italiana, l’assenza di condanne penali irrevocabili, la chiara fama e meriti acquisiti nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’economia, del lavoro, dello sport e nel disimpegno di pubblici uffici o di attività svolte.

Il processo per ottenere i diritti pensionistici che scaturiscono dalla legge Bacchelli è articolato e gravoso per il beneficiario ma almeno assicura un diritto laddove è mancato. Per questo preferiamo parlare di “diritti pensionistici” sebbene non sia la terminologia più adeguata rispetto alla legge Bacchelli (sia nella forma che nel contenuto), perché una pensione assente per deficienza di un regolare inquadramento professionale, nonostante il lavoro svolto, non può rientrare nella categoria di “sussidio”, bensì di doverosa prestazione previdenziale.

Chi è interessato può seguire gruppo Facebook  #Mandiamo in pensione Orioles per aggiornamenti sullo stato dell’arte della petizione.

 

Conferenza stampa – lunedi23 gennaio, ore 14.30 – via della Missione, 4

Saranno presenti il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti; Luca Salici del Comitato #MandiamoInPensioneOrioles; Claudio Fava, vice presidente della Commissione Antimafia; Vincenzo Iacopino, presidente Ordine dei Giornalisti.
Per accreditarsi alle conferenza stampa: costantino.sacchetto@hotmail.it

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.