Notte prima degli esami. Occhio alle fake news

Il 20 giugno 2018 inizieranno gli esami di maturità con la prima prova scritta. Ed è un tutto ricercare le tracce della prova sul web. E seguendo l’onda della spasmodica ricerca, skuola.net si è divertita a lanciare on line il seguente quesito: “Che cosa accadrebbe se avessi la possibilità di avere le tracce della maturità in anteprima, ma ti servissero 500 euro per acquistarle’?”.

L’idea è maturata dopo i risultati dell’indagine condotta dallo stesso portale secondo i quali 1 studente su 5 ritiene possibile trovare i testi ufficiali dell’esame prima dell’apertura del plico telematico. Con l’intenzione di smontare quella che è, a tutti gli effetti, una fake news (notizia falsa), skuola.net con la collaborazione della Polizia di Stato ha realizzato un prank video, con protagonista lo youtuber Nikolais.   Per prank video (molto di moda nelle università statunitensi) s’intende un video social a carattere scherzoso.

Ma sono tante le bufale che circolano sul web bersagliando i ragazzi prossimi alla grande prova, alle quali purtroppo abboccano, che la polizia, anche intervenendo a RaiNews24, ha provveduto a chiarire.

1 studente su 4 crede che la Polizia di Stato controlli i telefonini durante l’esame. Non è vero!
Il 48% ha paura di essere perseguito dai professori di commissione prima dell’inizio dell’esame, mentre il 12%, si figura che i commissari siano dotati di dispositivi di rilevamento magnetico per i cellulari.  Non è vero!
Il 18% coltiva il timore che le sedi d’esami siano schermate per impedire agli smartphone di connettersi al web. Non è vero!

È vero, invece, che consultare lo smatphone durante le prove di esame è proibito e, se colti in flagrante, la pena è l’espulsione, ma questo il 91% degli studenti lo sa. Quel che invece il 35% dei ragazzi non sa è che ricevere le soluzioni dalle tracce dall’esterno è un reato, secondo il decreto regio degli anni ’20 del Novecento ancora in vigore, che prevede pene sia per i candidati sia per chi li aiuta dall’esterno.

Dunque, esorta skuola.net, nelle ultime ore precedenti agli esami è inutile perdere tempo sul web per cercare quello che non c’è e, se c’è, è falso.

Piuttosto ci si può collegare con il sito che da 18 anni organizza alla vigilia una non stop – non a caso intitolata Notte prima degli esami – che accompagna gli ansiosi esaminandi, se vogliono, per tutta la notte: il 19 giugno 2018, quindi, dalle h. 20 alle 8 del giorno seguente partirà la diretta sul web e, per chi preferisce chiudere il computer e accendere la radio, su Radio 24 dalle h. 21 alle h. 24. Lo scopo delle dirette è fornire consigli utili, come gestire l’ansia o come svolgere le prove.  E per smontare all’impronta le fake news che affollano il web in quelle ore, parteciperanno alla diretta anche gli operatori della Polizia di Stato.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.