Cultura vs odio. La battaglia del sindaco

Andrea Costa, sindaco di Luzzara (Reggio Emilia) è deciso a combattere gli haters, i grandi odiatori che esprimono la loro ferocia soprattutto attraverso i social media.  Ha, quindi, emanato un’ ordinanza che vieta “ogni esibizione di cattiveria, rancore o rabbia, sia essa perpetrata verbalmente nei luoghi pubblici o nelle cosiddette piazze virtuali dei social – vietato ogni atto fisico teso a recare offesa a singoli o gruppi di persone e ogni forma di violenza”.

L’ordinanza, in vigore dal 4 gennaio 2018, invita anche i cittadini locali o di passaggio a Luzzara a segnalare gli eventuali episodi di cattiveria con i quali s’imbattono, inviando una mail al sito stopcattiveria@comune.luzzara.re.it, allegando, qualora possibile, le prove della violazione dell’ordinanza come screenshot, foto, registrazioni audio e video o la testimonianza di più persone che avvalorano la denuncia.

Un’iniziativa quella di Costa che tende più alla formazione e alla rieducazione che alla repressione, come testimoniano le sanzioni previste per i colpevoli. A secondo della gravità del reato, le pene prevedono: la lettura della Costituzione o del dizionario della lingua italiana o di narrativa (nella lista appaiono titoli come Se questo è un uomo di Primo Levi o Le memorie di Adriano’di Marguerite Yourcenar); la visione di film selezionati (come La vita è bella, Philadelphia o Il caso Spootlight) e di opere teatrali (gli autori spaziano dai classici greci, passando per Shakespeare fino ad arrivare a Pirandello); visite in siti storici e/o culturali (dall’Ossario di Solferino alla Cappella degli Scrovegni di Padova).  Previste anche un tot di ore da dedicare al volontariato, presso una della associazioni iscritte all’albo comunale del volontariato e operanti sul territorio.

Servirà l’ordinanza del sindaco Cosata a calmare i furori eccessivi? A far rinsavire gli habitué dell’insulto feroce? A sconfiggere l’odio?  Vedremo.  Perché sarà che con la cultura non si mangia (dicono alcuni), ma l’entità dei suoi effetti è, spesso, inimmaginabile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.