Eventi della Speranza in onore ad Angelo Vassallo

Angelo Vassallo primo piano 400 x 3007 anni senza Angelo Vassallo. Il 5 settembre del 2010 il Sindaco Pescatore di Pollica – piccolo Comune del Cilento –  rimase vittima di un attentato mentre rincasava. Erano circa le 22,15, Angelo Vassallo era alla guida della sua automobile. Fu colpito da 9 proiettili, 7 dei quali andarono a segno.  Un delitto efferato,  verso un sindaco che spendeva il suo tempo e il suo impegno nelle buone pratiche amministrative e  nella difesa delle peculiarità naturali della sua terra, non a caso sito Unesco.

Simbolo del buon governo, della politica intesa come servizio, eroe nazionale; ma nonostante i tanti  riconoscimenti  gli anni trascorsi dalla sua scomparsa non sono serviti ad arrivare alla verità sulla sua morte: a conoscere il o i mandanti e il movente. Ucciso perché contrastava l’ascesa della criminalità sulla sua terra, spaccio di stupefacenti e speculazione edilizia, o perché conduceva una “lotta contro la corruzione e il malgoverno istituzionale”, come ha scritto Sergio Caserta su Il Fatto Quotidiano pochi giorni fa.

Nel frattempo, riportano le cronache, le indagini dal 2010 non si nono mai fermate. Nell’agosto del 2017 è giunta la notizia che la Procura di Salerno ha disposto l’esame del DNA, sulle tracce biologiche dei 7 proiettili, per 94 persone.  Fra questi l’unico indagato,  Bruno Humberto Dammiani,  che subito dopo l’omicidio è risultato negativo all’esame dello stube – secondo gli investigatori frequentatore degli spacciatori di stupefacenti, oggi in carcere a Fuori per tentata estorsione – e i detentori legali della calibro 9 baby Tanfoglio, utilizzata per l’omicidio ma mai ritrovata.
Già nel 2012 la stessa Procura, alla cui direzione c’era l’attuale procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, aveva ordinato l’esame del DNA delle 66 persone presenti sul luogo dell’omicidio, senza esito investigativo.

Alla ricerca della verità e la Festa della speranza

Dario VassalloSul sito della Fondazione Angelo Vassallo il fratello Dario (a lato) scrive  “Da sette anni  siamo alla ricerca della verità. Essa si cerca in collaborazione con gli investigatori ed il nostro compito è quello di scuotere le coscienze umane e di una certa politica che in questi anni si è comportata come coloro che sanno e non parlano, coloro che hanno visto ma non ricordano, senza sapere che si sono resi complici di un delitto perché, come abbiamo spesso ripetuto, quando si uccide un sindaco si uccide lo Stato.”

La Fondazione attivissima nel portare avanti la politica di Angelo Vassallo, dal 2014 ogni 5 settembre ricorda il Sindaco Pescatore  con la Festa della Speranza organizzata ogni anno in un Comune italiano.

In questa edizione del 2017 il luogo prescelto sarà Rosolina Mare in provincia di Rovigo, dove, presso il Centro Congressi, si terrà il dibattito sul tema Bellezza, mare e territorio, con la proiezione di importanti contribuito documentaristici.

La Fondazione, nel corso degli anni, ha creato una rete di persone che si riconoscono e applicano nel loro operato i valori dei Angelo Vassallo: bene comune, coesione sociale, cultura della legalità, rispetto dell’ambiente.

Locandina Festa Speranza - Fondazione VassalloAnimatori, nel ricordo del Sindaco Pescatori, di manifestazioni ed eventi che il 5 settembre si svolgono su tutto il territorio nazionale. Tra questi ricordiamo  l’iniziativa sociale in memoria di Angelo dell’Associazione Battiti di Pesca per la promozione, tutela e valorizzazione della pesca nel Cilento. Battiti di Pesca per l’occasione ha promosso la pubblicazione del lavoro grafico realizzato da Gianluigi Tedesco, pubblicato sulla rivista Pescatore Mare, distribuita in tutta Italia.

L’incontro organizzato dall’Associazione Sentieri della Legalita a Santeramo in Colle (Bari), che illustra, con  testimonianze e presentazione di progetti, il proseguimento  dell’impegno attivo al servizio della legalità. Intervengono nel dibattuto, fra gli altri, Gero Gerardina dell’antiterrorismo, Piero Battipiede, già Primo Dirigente della Polizia di Stato, Roberto Borraccia, criminologo e Donato Macchia ex comandante dei Ris.

Dell’importante operato della Fondazione Angelo Vassallo, ricordiamo infine il progetto “Pulizia dei fondali marini” prescelto dall’Our Ocean Conference fra i 25 lavori studi per la salvaguardia degli Oceani e presentato da Lorenzo Vassallo a Washigton nell’edizione del 2016.

Sergio Castellito in Angelo VassalloLa vita di Angelo Vassallo è stata ripercorsa dal libro Il Sindaco Pescatore (ed. Mondadori), scritto da Dario Vassallo  (foto in alto), da cui è stato tratto il film omonimo,  produzione Rai, dove Angelo è interpretato dall’attore Sergio Castellito (a lato) e l’opera teatrale, sempre omonima, con l’attore Ettore Bassi per la regia di Enrico Lamanna.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *