Informazioni, interviste rivolte all'attualità sociale e culturale. Uno sguardo in-formativo dentro e fuori confine.

Abbanews: una goccia nell’oceano virtuale

Perché un altro giornale online? Capriccio, voglia di visibilità, presunzione, amore per le parole, per le notizie, per la divulgazione pura? Dietro ogni decisione é probabile che ci sia una sovrabbondanza di motivazioni in cui indagare potrebbe rivelarsi un’impresa lunga e improduttiva. Abbanews, inizia la sua gestazione molti anni fa, nel cuore e nella mente dei suoi ideatori: scrivere per promuovere una società in transito che desidera migliorare se stessa. Un incontro fortunato fra diverse culture ed età che sale sulla stessa nave per conoscere e ri-conoscere i quark dell’esistenza: ricerca, lavoro, diritti, viaggi (in senso lato), e tendenze artistiche. Non si pone confini fisici, intellettuali e culturali.

Il nostro lavoro è in progress. L’intento è quello di creare una comunità di giornalisti e di writers che condividano le loro conoscenze così da far circolare il sapere e le informazioni.

Una goccia nell’oceano virtuale che ci auguriamo sia fonte di stimolo cognitivo ed emozionale.

 

Brand  design by blendingstudio

 

Perché Abbanews

Come non pensare al mitico gruppo svedese che dominò il panorama mondiale della musica pop degli anni ’70, ma il nome ha tutt’altra origine. Leggiamo l’etimologia del termine abate. Dal gr-lat. ABBAS, padre che si confronta con l’ebraico AB generatore. Ecco, nasciamo qui. Nel momento in cui ci appropriamo di “ABBAS” di quel padre generatore a cui vogliamo rendere omaggio con la divulgazione di notizie che consideriamo primarie per l’uomo, oltre ogni cultura, prima e dopo la Torre di Babele. Dedicato a chiunque ha avuto un padre da amare o ne ha desiderato uno. Siamo comunque affezionati al gruppo musicale per motivi generazionali e, se leggendo la nostra testata sentirete le note di Fernando o Take a chance on me, sarà un modo per evocare insieme il passato-presente in ognuno di noi.

Le sezioni

RICERCA E LAVORO

Storie professionali in ogni ambito industriale. Lavori che cambiano e si ricreano. Nuove tendenze socio-professionali. Confronto e incontro di generazioni. Ricerche che tras-formano il lavoro e la società.

MONDI E ORIZZONTI

Argomenti che si sviluppano, in uno sguardo approfondito del mondo che gira intorno a noi. Italiani all’estero e stranieri in Italia in un’ottica di “cittadini del mondo”, dove i confini e le barriere si sfumano.

DIRITTI E COSTUMI

Argomenti che riportano i grandi mutamenti sociali e di conseguenza i relativi diritti, ai quali è sottoposta la nostra società.

GUSTI E CULTURA

Tematiche affrontate sempre da una prospettiva sociale che sono particolarmente care ad Abba: musica, televisione, moda, costume, cinema, fumetti e design. A ciascuno il suo.

Pubblicazioni

Il sapere oltre le mura accademiche. Tesi di laurea, master e dottorato e altre tipologie di pubblicazioni potranno essere scaricate in forma integrale, solo per consultazione.

 

Le persone di Abbanews

La redazione di Abbanews è aperta. Di seguito, i partecipanti- creatori di Abba:

Amanda Coccetti

Laureata in lingue e letterature straniere moderne (polacco e spagnolo) dopo una breve incursione a Scienze Politiche, considera il mondo del giornalismo un percorso auspicabile, ma tale rimane fino alla tenera età di 40 anni. Insegnante di lingue, traduttrice per aziende, assistente di direzione, orientatrice, varie sono le attività che la coinvolgono fino a ri-prendere un discorso interrotto 15 anni prima e a diventare giornalista pubblicista presso l’Ordine dei giornalisti del Lazio. Continua le attività di insegnamento, traduzioni e di orientamento, specializzandosi nel campo della formazione. Prima di varcare il mezzo secolo decide di creare un giornale, in memoria di suo padre. Profili Facebook e Linkedin. Direttore responsabile di Abbanews, notizie senza confine.

Armando Sanguini

Laureato in Scienze politiche. Diplomatico. Inizia il suo servizio all’estero in Etiopia e a Bonn, allora capitale della Germania. Capo missione a Santiago del Cile tra l’86 e l’89. Inviato a Madrid è nominato Ambasciatore a Tunisi (’98 -2003) e quindi a Riyadh (Arabia Saudita). Vicedirettore generale per gli italiani nel mondo e gli stranieri in Italia. Direttore Generale per la promozione delle relazioni culturali all’estero e responsabile degli Istituti di cultura e delle scuole italiane nel mondo (dal 1996).Direttore generale per l’Africa sub-sahariana (dal 2005) e Rappresentante personale del Presidente Consiglio per l’intero continente africano. Lasciato il servizio diplomatico, ha aperto una Libreria a Roma nel 2009. È scientific adviser dell’istituto di Studi di Politica Internazionale di Milano. Notista di politica estera, principalmente in materia di Medio Oriente, Africa ed Europa. Collabora con Lettera43.

Simone Ballocci

Innamorato della scrittura e di una donna unica al mondo, Antonella, che ha pensato bene di sposarlo. E di Gabriele e Leonardo, i loro due bimbi senza confini. Partecipa alla nascita di Abbanews. Cittadino nell’anima ma provinciale di nascita, vive nella convinzione ideologica di avere ancora vent’anni, anche se ne aveva già 22 quando si è iscritto all’Ordine dei Giornalisti giusto giusto dieci anni fa… Oltre che come giornalista-narratore, si guadagna da vivere come caporeparto di un grande negozio d’elettronica, il che fa convivere nelle sue giornate il suo pervicace idealismo sociale con parecchio capitalismo applicato e buone dosi di spirito di squadra. Accanito lettore, si fida molto della sua capacità narrativa e crede nel Giornalismo come soluzione a molti dei problemi democratici del mondo. Profili Facebook ed Instagram: Simone Stayhuman Ballocci; Twitter: @SimoneBallocci

Maria Teresa Sanguineti

Autodidatta ecclettica, dotata di vivace intelletto, promessa mancata dell’atletica leggera, comincia a scrivere durante i pomeriggi ove lavorava nel negozio di famiglia. Lì viene notata da un amico del padre, redattore del quotidiano “Il lavoro “ di Genova, che la invita a diventare corrispondente sportiva da Sestri Levante. All’epoca il direttore del “Il lavoro” era Sandro Pertini. Ha solo 16 anni, ma la passione per lo sport in generale tramessole dalla sua famiglia, le permette di discernere con dovizia di calcio, ciclismo, pallacanestro, pallavolo, boxe, atletica ed equitazione. Viene poco dopo assunta al “Corriere del Pomeriggio” un giornale che “usciva” solo al lunedì e le cui pagine erano occupate principalmente dagli avvenimenti sportivi della domenica. Subito dopo entra alla “ Gazzetta dello Sport” e dal 1962 diventa pubblicista. Ama scrivere su tutto e così comincia ad avere spazi in terza pagina. Scrive su “Avvenire” e “Cittadino” e in vari giornali e giornalini regionali. Sempre gratuitamente, salvo i pagamenti ricevuti (tanto a riga) dalla Gazzetta dello Sport e dal Corriere del Pomeriggio.Viaggia molto per motivi famigliari e professionali. Un mutamento nella sua vita la costringe a lasciare la penna in un cassetto, senza tuttavia mai abbandonare il suo taccuino ove riporta sempre appunti ed emozioni. Dopo tanti anni riprende l’attività pubblicistica, quasi casualmente, e così riscopre di avere ancora tanto da scrivere e raccontare.

Maria Diaco

Filosofa per nascita e formazione, Maria ama aprirsi alla vita con entusiasmo e vigore. Accetta la sfide con profonda gioiosa serietà. Formatrice, scrittrice e orientatrice scruta il mondo con occhio attento e vigile, senza mai tralasciare un sano scetticismo, inteso come indagine e ricerca della natura umana. Si occupa da anni, in particolare, di orientamento al lavoro e alla scelta post-diploma. Durante l’anno incontra migliaia di studenti e non si stanca di ripetere: “Conosci te stesso e il contesto in cui vivi, la chiave di volta è dentro di te”. Scrivere per lei è come respirare.

Marianna Iacobucci  (Esperta di moda e costume)

Da sempre appassionata di  costume e  di moda, è cresciuta osservando la mamma, sarta di abiti da sposa. Ben presto matura il desiderio di abbandonare la città  natale per approdare nella capitale dove segue un percorso di formazione e si laurea  nel 2004 presso la prestigiosa Accademia di Costume e di Moda. La curiosità e la voglia di apprendere sul campo, la portano a fare esperienze nella moda, nel teatro, nell’opera e nel cinema. L’attenzione per l’informazione, le arti, il lifestyle  e il design la spingono ad accettare la sfida della divulgazione. Profilo social:  www.facebook.com/marianna.iacobucci.7; INSTAGRAM: lastylist2016

Alessandra R. C. Lazzeri

Attenta e curiosa fin dalla più tenera età, mostra ben presto il suo spirito critico e indipendente nei confronti del mondo che la circonda. Nella prima giovinezza si divide tra l’Italia e la Spagna. La moda sarà il suo primo amore che, dopo diverse esperienze, la porterà a creare una propria linea prêt-à-porter.

Dalla moda passa al mondo della pubblicità e diventa account e curatrice di diverse pubblicazioni, tra cui la rivista mensile Aqua. La passione per la moda e la cultura la portano a seguire con interesse gli avvenimenti socio-politici e coltiva un sogno nel cassetto: creare un giornale. Preferirebbe il profumo della carta, ma un approccio consapevole ai social media la fa approdare alla carta virtuale, ma virtuosa.