Categoria: mondi e orizzonti

0

Maningrida, dove poliglotta, modestamente, si nasce

Il 2019 è l’Anno Internazionale delle Lingue Indigene, celebrazione che ci conduce a Maningrida una piccola località del Nord dell’Australia di appena 2600 abitanti che parlano, però, fino a 15 fra lingue e dialetti ed è frequente che una stessa persona per la complessità del clan di appartenenza le conosca quasi tutte. Una consuetudine che rimanda alle tradizioni e culture dei loro progenitori mantenute nonostante la colonizzazione

0

La natura si racconta per la sua salvaguardia

The Comedy Wildlife Awards è un concorso fotografico – giunto alla sua 4° edizione – dedicato agli animali selvaggi; o meglio, alla fauna selvatica sorpresa in circostanze divertenti, con lo scopo fondamentale di destare l’interesse e l’impegno per la conservazione della natura

0

Da guerrieri ad atleti. Per salvare il re della foresta

In Kimana (Kenya) si è appena conclusa la 4° edizione dei Maasai Olimpics, i Giochi Olimpici dei Masai, introdotti come alternativa al tradizionale rito di passaggio all’età adulta che vorrebbe i giovani diventare coraggiosi guerrieri attraverso la caccia ai leoni, specie a rischio estinzione

0

Concha Zaera, quando l’età è solo un numero

Iniziando a disegnare su Paint, programma informatico basico di disegno, per ammazzare il tempo, aprendo un account social per assecondare i nipoti che volevano condividere le sue composizioni, dopo 14 mesi Concha Zaera, 88 anni, è una star di Instagram e collaboratrice della Disney per il film ‘Il ritorno di Mary Poppins’

0

Erbil, la città dove i rifugiati siriani sono parte attiva della cittadinanza

Erbil, nel Kurdistan iracheno, a differenze di molte comunità di accoglienza del mondo che hanno accolto i profughi siriani ponendo lrestrizioni, consente loro, se in possesso delle qualifiche necessarie di lavorare liberamente. E i profughi la ripagano con la loro competenza svolto in modo attivo e fruttuoso all’interno della comunità

0

Corridoi universitari: studenti rifugiati dall’Etiopia all’Italia

Corridoi universitari tra l’Etiopia e l’Italia per permettere a studenti rifugiati, costretti a interrompere i loro studi perché perseguitati o in fuga dalla guerra, di proseguire il loro percorso formativo presso l’Alma Mater di Bologna. Con tale finalità è nato il progetto ‘UNI-CO-RE university corridors for refugees (Ethiopia-Unibo 2019-21)’, promosso dall’Università di Bologna e dall’UNHCR Italia