Categoria: educazione lavori e ricerca

0

La causa della morte di Caravaggio. Uno storico cold case

Sulla misteriosa causa della morte di Michelangelo Merisi, il famosissimo pittore noto con il nome di Caravaggio, sembra fare definitivamente luce l’esito di una ricerca condotta da investigatori scientifici italiani e francesi dell’istituto marsigliese l’IHU Méditerranée Infection, sui resti attribuiti al pittore per l’85%. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista scientifica ‘Lancet Infectious’

0

Il meccanismo cognitivo perfetto della cooperazione sincronizzata dei delfini

I delfini sanno come cooperare tra loro e, quando è necessario, portano avanti un compito sincronizzandosi con una precisione come nessun’altra specie di animali selvaggi al mondo fa. A rivelarlo sono i risultati della ricerca condotta dall’australiana UWA University insieme all’istituto statunitense Dolphin Research Center, pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

0

Notte Europea dei ricercatori. Le città si accendono di scienza

Progetti europei per celebrare il 28 settembre 2018 in tutta Europa la nuova edizione della Notte Europea dei Ricercatori. Dall’Islanda ad Israele, 12 milioni di euro per il finanziamento di 55 progetti per tutta Europa, nell’ambito del programma europeo per la Ricerca Marie Skłodowska-Curie. Dei 55 progetti selezionati tra i 128 presentati, 9 sono italiani

0

Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita

Anche famose opere d’arte possono “perdere la testa” (e il collo). Questa la “provocazione” lanciata dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC) in occasione della Make Sense Campaign, la campagna europea di sensibilizzazione sui tumori della testa e del collo. Informarsi per prevenire, la parola d’ordine

0

Chisura domenicale dei negozi. Dibattito sociale

Negozi e centri commerciali aperti rientrano nella normalità in molti paesi europei ed extra europei, dal secolo scorso, tuttavia in Italia, la questione ha assunto una connotazione socio-politica. Il dibattito è sempre fonte di ricchezza democratica purché non si irrigidisca in posizioni radicalmente “radicalizzate”. E il web raccoglie le opinioni della società.