Categoria: diritti e costumi

0

MyTutela. L’app contro abusi, violenza, stalking e bullismo con valore legale

My Tutela l’app a supporto di vittime di abusi, violenza, stalking e bullismo. Raccoglie e archivia in cloud sms, telefonate, email, chat, whatsapp, immagini e video proteggendo così i dati anche nei casi in cui gli stessi siano cancellati o l’apparecchio danneggiato. Salvati in modalità forense i dati hanno valore legale, essendo l’app riconosciuta dalle Forze dell’Ordine

0

Storia di David: no al bullismo. Sì alla vita

David ragazzo dislessico quindicenne, per 5 anni è stato vittima di bullismo per colpa del quale è finito in ospedale. Ma ha saputo reagire e ha realizzato il cortometraggio, ‘L’idea,’ che pubblichiamo, dove racconta la sua storia e con il quale ha vinto il concorso ‘In ricordo di Niccolò Ciatti: giustizia e violenza nel mondo giovanile’

0

Il paradosso del decreto sicurezza che genera insicurezza

Da quando il Decreto Sicurezza e Immigrazione è entrato in vigore (5 ottobre 2018) ha suscitato molte preoccupazioni internazionali e nazionali, sollevate dall’Onu e dai sindaci italiani. Il punto controverso riguarda la riforma del diritto di asilo e di cittadinanza per gli stranieri e il ridimensionamento del progetto SPRAR, che genera insicurezza e disoccupazione italiana. Se ne parlerà anche al Festival della Migrazione di Modena dal 9 all’11 novembre

0

Il lavoro non lo creo. Lo simulo

Esistono verdetti che echeggiano da sempre nel nostro comune sentire. Corollari del quotidiano che finiscono per regolare il nostro modus vivendi. Uno fra i tanti: nessuno è indispensabile sul proprio posto di lavoro. Detto altrimenti: in ogni compagine lavorativa tutti sono sostituibili per una strana proprietà` transitiva dell’uguaglianza

0

Beethoven nelle carceri. Note di libertà e riscatto interiore

La musica classica, intesa come apprendimento e ascolto, entra nelle carceri. La casa circondariale di Viterbo ospita il progetto culturale Musica senza confini, una lezione e un concerto insieme, che vedranno come protagonista il grande Beethoven. Un’iniziativa che ha suscitato l’entusiasmo dei detenuti. Su 606 (la popolazione complessiva dei detenuti) 500 hanno chiesto di partecipare all’evento