Autore: Redazione abbanews

0

Regeni. Basta commemorazioni. Ora azioni

Cosi parla la mamma di Giulio Regeni, Claudia, la quale con il marito Paolo ha partecipato all’audizione del Parlamento Europeo, da cui chiedono a tutti i paesi membri dell’Unione di dichiarare l’Egitto paese non sicuro, di richiamare in patria gli ambasciatori e d’interrompere ogni relazione commerciale. Ma anche di monitorare i processi egiziani contro chi combatte in Egitto in nome della libertà. Perché quello che è successo a Giulio potrebbe accadere a chiunque

0

Trame 6.0. Viva la libertà

Festival Trame 6.0. Qui l’antimafia si fa anche con i libri, twitta Gaetano Savatteri, citando una frase del suo articolo pubblicato in Gazzetta del Sud: “Ci sono molte cose straordinarie in Calabria. Il mare, la gente, i luoghi. Ci sono molte cose speciali, a volte fin troppo speciali. Ecco, “Trame” è una di queste cose straordinarie. Questo piccolo grande Festival che si svolge a Lamezia Terme che dura tutto l’anno e che porta nelle scuole, nei paesi nelle piazze, i libri, la voglia di conoscere e di sapere, è una delle cose straordinarie della Calabria”.

0

I giovani educano i giovani sulla Amerigo Vespucci

Al via I giovani educano i giovani, progetto di educazione alla salute a bordo della nave Amerigo Vespucci ormeggiata a La Spezia, fortemente voluto da A.L.I.Ce. La Spezia e sposato in pieno dalla A.L.I.Ce. Italia Onlus (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale) e dalla SIMG, Società Italiana di Medicina Generale. Dieta e alimentazione tra le attività principali di prevenzioni. Un progetto di “peer education” per accrescere nei giovani l’educazione al benessere.

0

Modalità aereo. Usiamola anche a terra

Forse è già tempo di ripensare i cellulari e le sue applicazioni, soprattutto il modo e l’uso che ne facciamo. Ce lo fa pensare l’apprezzamento che sempre più utenti dimostrano alla “modalità aereo” alla quale ricorrono anche quando sono a terra. E i vantaggi effettivamente ci sono.

0

Ricerca delle magnifiche 4

Quattro ricercatrici oncologiche italiane, vincono il prestigioso premio Merit Award dell’Asco di Chicago, trampolino di lancio verso la ricerca internazionale. Non superano i 35 anni, studiano e lavorano in Italia e hanno tutta l’intenzione di rimanerci